Le 20 foto storiche più impressionanti e curiose di sempre.

1 – La partenza del Titanic, 1912.

11896022_780073172103822_2002868541663902016_n

2 – Nagasaki venti minuti dopo l’esplosione della bomba atomica, 1945.

11200613_780073592103780_5626989785683476176_n

3 – Costruzione della torre Eiffel, Luglio 1888.

11898898_780073615437111_6643729329301936784_n

4 – L’arrivo della Gioconda al Louvre dopo la seconda Guerra mondiale

11855634_780073182103821_3830144500313621392_n

5 – Costruzione del Cristo Redentore sulla baia di Rio de Janeiro

11889422_780073515437121_1634594607327797169_n

6 – Caffetteria della Disney a Burbank, 1961.

11143637_780073265437146_494210378536556827_n

7 – Il primo McDonald’s in California, 1937.

McDonald

8 – Il sigillo, ancora intatto, sul sarcofago di Tutankhamon all’interno della Valle dei Re, 1922.

11899813_780073625437110_5273530264041727570_n

9 – L’ultima Tigre della Tasmania prima dell’estinzione, 1933.

11902543_780073538770452_3586822231260043017_n

10 – Charlie Chaplin a 27 anni, 1916.

11891223_780073368770469_1442109601618969935_n

11 – Discriminazione razziale a sud degli stati Uniti

11831801_780073202103819_1983469510664733753_n

12 – Gli ultimi prigionieri ad aver abbandonato l’isola di Alcatraz prima della chiusura del carcere, 1963.

11831707_780073308770475_3057497550673355371_n

13 – Le riprese del Leone per il logo della casa cinematografica Metro Goldwyn Mayer

11855780_780073542103785_3324579934776504898_n

14 – Uno dei primi veicoli, 1900.

11903968_780073315437141_547292094705566718_n

15 – Hugo Gernsback e il suo televisore portatile, 1963.

20610_780073355437137_8964927603466828291_n

16 – Martin Luther King e suo figlio, mentre rimuovono una croce bruciata che i membri del ku klux klan  hanno lasciato davanti casa sua, 1960.

11836881_780073432103796_3428700756415987569_n

17 – El Che Guevara e Fidel Castro.

11222247_780073412103798_3828035707355998381_n

18 – Una spiaggia dell’Australia, 1900.

11253734_780073192103820_1514886970257503265_n

19 – La prima foto dei Beatles.

11899949_780073438770462_7673008776366088031_n

20 – La Regina Elisabetta durante il servizio militare nel mezzo della seconda guerra mondiale.

11902590_780073398770466_7954000797273709452_n

Continua a leggere

Annunci

Vivian Maier

VM19XXW04205-01-MCSi chiamava Vivian Maier, e se il nome non vi dice niente, la cosa è abbastanza normale. Nella vita faceva la tata, lo stesso mestiere di sua madre e di sua nonna: lo faceva per le famiglie upper class di Chicago, e lo faceva bene, con limitato entusiasmo, pare, ma con inflessibile diligenza. Lo fece per decenni, a partire dai primi anni Cinquanta: i suoi bambini di allora adesso sono adulti che, piuttosto increduli, si vedono arrivare giornalisti o ricercatori che vogliono sapere tutto di lei. Un po’ spaesati, annotano che non è il caso di immaginarsi Mary Poppins: era un tipo maniacalmente riservato, un po’ misterioso, piuttosto segreto. Faceva il suo dovere, e nei giorni di vacanza, spariva. Non c’è traccia di una sua vita sentimentale, non pare avesse amici, era solitaria e indipendente. Non scriveva diari e che io sappia non ha lasciato dietro di sé una sola frase degna di memoria. Le piaceva viaggiare, naturalmente sola: una volta si fece il giro del mondo,

May 5, 1955. New York, NY

May 5, 1955. New York, NY

così, perché le andava di farlo: è anche difficile capire con che soldi. Una cosa che tutti ricordano di lei è che accatastava oggetti, fogli, giornali, e la sua stanza era una specie di granaio della memoria, immaginato per chissà quali inverni dell’oblio. Collezionava mondo, si direbbe. L’altra cosa che tutti ammettono è che sì, in effetti, girava sempre con una macchina fotografica, le piaceva scattare foto, era quasi una mania: ma certo, da lì a immaginare quel che sarebbe successo… Quel che è successo è questo: arrivata a una certa età, tata Maier si è ritirata dall’attività, si è spiaggiata in un sobborgo di Chicago e si è fatta bastare i pochi soldi messi da parte. Dato che accatastava molto, come si è visto, affittò un box, in uno di quei posti in cui si mettono i mobili che non stanno più da nessuna parte, o la moto che non sai più che

Undated, Canada

Undated, Canada

fartene: ci ficcò dentro un bel po’ di roba e poi finì i soldi, non riuscì più a pagare l’affitto e quindi finì come doveva finire.

Quelli dei box, se non paghi, dopo un po’ mettono tutto all’asta. Non stanno nemmeno a guardare cosa c’è dentro: aprono la porta, gli acquirenti arrivano, danno un’occhiata da fuori e, se qualcosa li ispira, si portano via tutto per un pugno di dollari: immagino che sia una forma sofisticata di gioco d’azzardo. L’uomo che si portò via il box di tata Maier si chiamava John Maloof. Era il 2007. Più che altro si portò via scatoloni, ma quando iniziò a guardarci dentro scoprì qualcosa che poi avrebbe cambiato la sua vita, e, immagino, ingrassato il suo conto in banca: un misurato numero di foto stampate in piccolo formato, una marea di negativi e una montagna di rullini mai sviluppati. Sommando si arrivava a più di centomila fotografie: tata Maier,VM1955W03420-05-MC in tutta la sua vita, ne aveva visto forse un dieci per cento (pare non avesse i soldi per lo sviluppo, o forse non le importava neanche tanto), e non ne pubblicò nemmeno una. Ma Maloof invece si mise a guardarle per bene, a svilupparle, a stamparle: e un giorno si disse che o era pazzo o quella era una dei più grandi fotografi del Novecento. Optò per la seconda ipotesi. Volendo credergli, si mise anche a cercarla, questa misteriosa Vivian Maier, di cui non sapeva nulla: la trovò, un giorno del 2009, negli annunci mortuari di un giornale di Chicago. Tata Maier se n’era andata in silenzio, probabilmente in solitudine e senza stupore, all’età di 83 anni: senza sapere di essere, in effetti, com’è ormai chiaro, uno dei più grandi fotografi del Novecento.

http://www.vivianmaier.com

Undated, New York, NY

Undated, New York, NY